Pubblicare un libro: i consigli di un bravissimo scrittore di gialli, pubblicato da Guanda

Pubblicare un libro: i consigli di un bravissimo scrittore di gialli, pubblicato da Guanda -
PUBBLICARE UN LIBRO: CONSIGLI.
Condividi su

Alcuni consigli utili agli scrittori esordienti per pubblicare un libro gratis, senza entrare nella trappola dei “servizi a pagamento”.

9 giugno 2016 | di Redazione IoScrittore.
Come scrivere e farsi pubblicare un libro da un’importante casa editrice? Iniziamo oggi una serie di post in cui diamo alla parola a scrittori di successo, che raccontano la loro esperienza e danno alcuni consigli per pubblicare un libro gratis, senza entrare nella trappola dei “servizi a pagamento”, e con un editore che creda genuinamente nel vostro progetto editoriale. 
Le esperienze di autori già pubblicati potranno senz’altro essere utili agli scrittori esordienti e aiutarli a evitare gli errori più comuni che precludono quasi sempre la pubblicazione.  
Ecco cosa ci ha detto Marco Ghizzoni, classe 1983, autore di tre romanzi ambientati nella provincia cremonese, e più precisamente nell’immaginario ma realistico paesino di Boscobasso, crocevia di storie e personaggi che si ispirano a quelli che lo scrittore ha conosciuto durante l’infanzia nel bar gestito da sua madre. 
I suoi romanzi hanno conquistato lettori e critica: Luca Crovi ha scritto del suo primo romanzo, Il cappello del maresciallo: «Due generi come la commedia e il giallo all’italiana si fondono in maniera fortunata». Il suo ultimo libro è L’eredità del Fantini. 
Ecco dunque le risposte di Ghizzoni alle nostre domande.

Come fai a scrivere un romanzo?
Lavoro come gli antichi greci con l’ausilio di un canovaccio in cui delineo la trama e i personaggi principali, ma senza pensare al finale. Voglio sentirmi libero di creare e improvvisare, lasciare che i personaggi mi sorprendano.

Da che cosa parti per creare la trama?
Il punto di partenza è sempre un fatto di cronaca o un aneddoto bizzarri, esilaranti, quasi incredibili. E la realtà ne è inaspettatamente piena. Per quanto riguarda i personaggi, i miei romanzi sono corali: se mi concentrassi su un solo personaggio gli altri se la prenderebbero a male. 

In quale momento della giornata scrivi? E in che modo?
Non mi do dei tempi, ma una continuità, ovvero scrivo tutti i giorni, domeniche e festivi compresi. Non mi preme finire un romanzo entro termini stabiliti, ma mantenere il ritmo e divertirmi. Questo, per me, è la scrittura.
Scrivo rigorosamente a mano, sul divano o sulla poltrona specialmente dopo pranzo e, se necessario, anche dopo cena. Cerco di incastrare bene gli impegni, perché lavoro e, come si suol dire, tengo famiglia.
Ho iniziato a scrivere in terza superiore e, sebbene non avessi ancora sviluppato il metodo che mi accompagna oggi, distinguevo nettamente il momento della scrittura con quello dello studio. Prima il dovere e poi il piacere, ça va sans dire.

Mentre scrivi, pensi a un lettore ideale?
Mentirei se dicessi di pensare a un lettore ideale e farei lo stesso se negassi di sapere che esistono lettori in grado di apprezzare il tipo di storie che racconto. Se i lettori, leggendo i miei libri, non dovessero ridere... be’, comincerei a preoccuparmi! Risate a parte (ridendo dicere verum), tante volte i miei lettori mi hanno detto che i miei personaggi sono così reali che hanno come l’impressione di averli conosciuti. Lo ritengo un gran complimento.

Quanto conta la riscrittura? Quando capisci che un romanzo è finito e pronto per la pubblicazione?
Le riscritture sono fondamentali perché ti aiutano ad eliminare il superfluo. La vera scrittura è sempre per sottrazione. Capisco che il romanzo è finito semplicemente quando la storia è giunta al termine e un lettore esperto e fidato, solitamente l’editor, è d’accordo con me.

Come hai pubblicato il primo libro? 
Io ho avuto la fortuna di conoscere un grande scrittore, Giovanni Cocco il quale, con 5/6 consigli fondamentali, ha educato la mia scrittura individuando meglio di me quale fosse la mia voce. Senza di lui, non so se sarei qui a rispondere alle vostre domande. Il mio primo romanzo l’ho pubblicato grazie al succitato Giovanni e al lavoro di un agente letterario, figura ormai essenziale nella gestione dei rapporti con gli editori.

Che consigli daresti a un aspirante scrittore per pubblicare un libro? 
Pochi e semplici consigli: leggere tanto, leggere tutto (classici, contemporanei, italiani e stranieri), scrivere con impegno, disciplina e passione senza aspettare l’utopica ispirazione e, soprattutto, fare una gran scorta di umiltà. I consigli ricevuti da persone esperte e capaci possono solo migliorare la propria scrittura. L’editor è l’angelo custode dello scrittore mentre l’editore sancisce definitivamente la qualità di un’opera. Self publishing e simili sono solo baggianate che evitano il filtro più importante per entrare nel mondo editoriale. Un po’ come laurearsi nella propria cameretta senza il giudizio dei professori, se mi spiego.
Newsletter
Ricevi aggiornamenti sul torneo e consigli di scrittura da IoScrittore